home
   
   
 
BIBLIOGRAFIA
   

Rassegna
Stampa

 

 

 

Non Per un dio ma nemmeno per gioco-Vita di Fabrizio De André è un ottimo libro che non segue la lunga scia di commemorazioni dedicate all’artista genovese …. Racconta e ripercorre con grande rispetto la vita, la carriera e le opere di uno dei nostri più grandi cantautori e, attraverso molte interviste, ne spiega retroscena ed antefatti, cercando di tracciare percorsi poco solcati. I commenti dell’autore sono ben disposti e non prevaricano lo scritto e l’amore per la musica ed il personaggio mai vanamente tirati in ballo. È una biografia che non travolge, ma affascina e ci ricorda perché Fabrizio sia stato un così grande artista sottolineando proprio quei motivi, anche quelli “non artistici” che lo hanno reso immortale.Libro agile, ben scritto, ricco mai noioso, sin dalle prime battute si fa apprezzare per una originalità di approccio. Viva non appartiene alla categoria dei giornalisti bacchettoni e presenzialista, ma a quella di coloro i quali amano la buona musica, e una organicità di disposizione del testo. …Interessante il taglio americano del testo e l’esplicito invito all’autore a riprovarci al più presto con qualche altro artista di differente vaglia. (Ernesto De Pascale- Il Tirreno)

Biografia del grande cantante e autore genovese ricostruita con paziente cura….da parte di un preparato giornalista e conduttore radiofonico, che fu particolarmente vicino all’artista negli ultimi anni della sua vita….Il volume offre un ritratto di De André carico di sfumature, che coglie pienamente umori ed emozioni legati alla sua vicenda umana ed artistica. Da leggere. (Mario De Luigi- Musica e Dischi)

Una storia commossa e sincera….. (Cinzia Marongiu- Sorrisi e Canzoni TV)

Una storia scritta in punta di cuore….Luigi Viva, romano giornalista e conduttore radiofonico, ripercorre vita e carriera del musicista….Un racconto appassionante, ricchissimo di particolari anche sotto l’aspetto musicale. Fabrizio è parte attiva di tutto questo con ricordi e racconti personali…. (Fernando Fratarcangeli-RARO)

Per niente facile, l’impresa di raccontare un artista immenso come De André scegliendo di procedere sulla strada della biografia rigorosa…. Il volume offre copiose testimonianze di prima mano.. (Musica)

Dedicato a Fabrizio De André è uscito un bellissimo libro, ottimamente scritto dal giornalista Luigi Viva……Si tratta di una fedele e documentata biografia scritta con affetto e impegno. Luigi Viva iniziò a raccogliere materiale nel 1992 e ad incontrare periodicamente Fabrizio, che, in una affettuosa dedica, definisce, con formidabile intuito premonitorio, il “futuro biografo di un grande romanziere”….. (Bacherontius)

Al club “Ostaietta” di Sarissola sabato 4 marzo Luigi Viva ha presentato il suo libro edito da Feltrinelli…Un’opera iniziata nel 1992 che potremmo definire “autobiografica”in quanto alla sua realizzazione ha collaborato lo stesso Fabrizio con i suoi racconti e fornendo all’autore una serie di nomi ai quali rivolgersi per varie testimonianze. Il materiale raccolto avrebbe dovuto costituire una pubblicazione da inserire in una serie di cd contenenti vecchi brani in nuove versioni, un progetto purtroppo incompiuto. Un testo pertanto documentato e suggestivo ricco di aneddoti, curiosità…e narrazioni sincere, avvincenti prive di encomi “ufficiali” e lodi di circostanza. (Ernesto Grossi-Panorama di Novi e dell’Oltregiogo)

Dopo la scomparsa di Fabrizio De André ci si è resi conto della mancanza di biografie significative che dessero un’immagine equilibrata e soprattutto credibile del personaggio……
Con questo libro di Luigi Viva, giornalista e amico personale di Fabrizio con cui aveva già cominciato a scriverne la vita fina dal ’92, ricevendo informazioni di prima mano, ci si può finalmente addentrare con sicurezza all’interno del percorso di crescita del grande cantautore. È insomma una vera e propria biografia autorizzata che ci narra dal 18 febbraio 1940, data di nascita, in poi i momenti significativi che hanno visto la formazione caratteriale di Fabrizio De André….Un libro decisamente consigliato a tutti coloro che in qualche modo hanno amato De André. (Roberto Caselli, Jam)

…Fabrizio non ripudiò mai la sua appartenenza alla borghesia, all’alta borghesia.Il che non gli impedì di sottrarsi alle convenzioni che da sempre ne hanno puntellato l’esistenza, originati i contrasti, avallato i pregiudizi. Pagò di persona. E tutto ciò nel bel libro di Luigi Viva emerge con chiarezza. (Remo A.Borzini- Ligvria)

Imperdibile…. (Giordano Casiraghi- Re Nudo)

….Uscito di recente, è gia un piccolo successo letterario, forse perché il grande cantautore è raccontato con familiarità, senza fanfare celebrative, con un affetto che traspare fin dalle prime pagine… (Carla Castelli- Ella)

…. La tenacia di Viva fa si che il libro riveli particolari sulla famiglia, l’infanzia e il vissuto dell’artista assolutamente assenti da altre opere. Il periodo felice di Revignano d’Asti nel quale Fabrizio matura una passione irrefrenabile per la campagna, gli animali, la gente semplice, quello delle prime bande metropolitane a Genova, la grandezza e la bellezza della madre Luisa Amerio, la volontà e purezza d’animo del padre Giuseppe, la bontà e l’intelligenza del fratello Mauro, le estati in montagna o al mare, l’incontro con Villaggio, con Grillo rivelano quanto gli stimoli esterni abbiano influito sulla complessa personalità dell’artista….. (Mario Luzzatto Fegiz-Corriere della Sera)

….Fabrizio De André, recentemente scomparso e sul quale vi è una fioritura di pubblicazioni, fra le quali spicca l’avvincente biografia di Luigi Viva… (Gennaro Picinni, Il Tempo)

….Comunque il ritratto del Bicio, ovvero del generoso, incontenibile, stravagante fino al limite della follia Fabrizio De André, era proprio così: lo si capisce leggendo la splendida biografia del giornalista e amico del cantautore genovese, Luigi Viva, Non per un dio ma nemmeno per gioco, Vita di Fabrizio De André (Feltrinelli). ( Mirella Serri, La Stampa)

Vita, ironia, poesia e morte di un falegname di parole. Non per un dio ma nemmeno per gioco è la partecipe e documentata biografia che Luigi Viva ha dedicato a Fabrizio De André. Il racconto della straordinaria vicenda artistica del musicista scomparso un anno fa e della sua capacità di non prendersi troppo sul serio pur facendo cose molto serie…..Una ricognizione rapida nel settore dell’editoria musicale italiana ci porterebbe a conclusioni piuttosto amare e anche per questo spicca, per l’approccio partecipe e al tempo stesso documentato il libro che Luigi Viva ha dedicato a Fabrizio De André….L’infanzia e l’adolescenza nell’astigiano e a Genova, indagate da Luigi Viva con l’aiuto dello stesso Fabrizio e delle persone che gli erano vicine, sono forse le parti più interessanti del libro, meno conosciute e comunque fondamentali per comprendere i temi essenziali della sua poetica: l’amore per la natura, l’avversità per qualsiasi forma di potere, la partecipazione sentita e profonda per le sofferenze e le gioie degli umili e degli esclusi.Il coinvolgimento emotivo di Viva, che ha conosciuto e frequentato Fabrizio, è il sale di una narrazione altrimenti asciutta ed essenziale. Il suo libro rinnova dolorosamente la consapevolezza di aver perduto un grande “falegname di parole”, ma ci aiuta anche ad ascoltare e riascoltare le sue canzoni come irripetibili e straordinarie poesie. (Giancarlo Susanna, L’Unità)

….Il volume, 270 pagine con trentaquattro fotografie, ottanta personaggi, otto anni di lavoro, è frutto di una attenta ricerca, un lavoro difficile, un libro divulgativo soprattutto dedicato in particolare ai giovani. Le settecento cartelle iniziali sono state sfoltite proprio per dare al volume il ritmo giusto. Emergono personaggi sconosciuti, episodi inediti. Il mondo vero che Fabrizio adorava e dove viveva con grande gioia. (Michele Diavoli, Gazzetta del Lunedì-Corriere Mercantile)

WhipArt
Letteratura contemporanea - De André fa 13!
Recensione di Giusy Ferraina - 19.06.2006

 
   
   
» Torna alla Bibliografia...
 
» Scheda del Libro...
 
» Presentazioni/Incontri...
 
 
     
 
 
  
  b i b l i o g r a f i a
  
© Luigi Viva 2005-09 :: Litograph Webdesign